All posts tagged: benessere culturale

I NOSTRI CORSI

CORSI DI AGGIORNAMENTO STANDARD MUSEALI

livelli di qualità per il riconoscimento regionale

soluzionimuseali-ims organizza corsi di aggiornamento e di formazione sugli ambiti del Decreto Ministeriale 113 del 21 Febbraio 2018 (Adozione dei livelli minimi uniformi di qualità per i musei e i luoghi della cultura di appartenenza pubblica e attivazione del Sistema Museale Nazionale ) per il riconoscimento a livello regionale e nazionale.


MUSEUM BRANDING

Il Brand come strumento di veicolazione della propria identità e della propria offerta culturale. Tutto il mondo valoriale del museo per comunicare una specifica esperienza.


VISUAL COMMUNICATION STRATEGY

Per imparare a comunicare nell’era del visuale, corsi, ideati da Fulvio Ronchi e M. Cristina Vannini, per coprire tutto il processo creativo e realizzativo, basandosi sulla coerenza con i vostri messaggi comunicativi e con i linguaggi dei media più adeguati, da organizzare con il vostro staff.

Contattaci per avere informazioni sul programma e sui costi

Report: Intercultural dialogue in shared spaces. Rappresentanti di associazioni europee a confronto

logo

logo

Nei mesi di Marzo e Aprile scorsi, il consorzio Voices of Culture, a nome della Commissione Europea, ha invitato 35 operatori europei a partecipare a due incontri sul tema Promoting Intercultural Dialogue And Bringing Communities Together Through Culture In Shared Public Spaces. 

Gli incontri si sono svolti a Barcellona e a Brussels, e hanno dato la possibilità a 35 professionisti in vari settori del mondo della cultura di raccogliere in un report i pensieri e le richieste che il settore vuole condividere con la Commissione Europea.

Il report, qui riportato: 20160628_Brainstorming Report ICD è stato successivamente presentato e discusso con in un incontro con vari DG e rappresentanti della Commissione e con i componenti dell’Open Method of Coordination.

Siamo grati se vorrete riportarci i vostri commenti e se vorrete utilizzare il documento per la diffusione e gli usi che ne vorrete fare.

Progettando l’istruzione informale – Luca De Biase

Progettando l’istruzione informale

Ci sono materie che non si insegnano in modo formale. Che si imparano vedendo i maestri al lavoro. Che si assorbono facendo esperienza. Per queste materie non ci sono scuole. Ma per alcune di esse dobbiamo fare qualcosa. Il gusto, il senso civico, l’imprenditorialità sono esempi di queste materie. Possiamo disegnare percorsi di apprendimento pensati per queste materie per ricucire un’evoluzione culturale che per alcuni aspetti si è interrotta con l’interruzione di alcune relazioni tradizionali e che vanno riattivate con la consapevolezza della condizione contemporanea. Chissà se i commentatori hanno esempi da segnalare… sarebbero i benvenuti.

Luca De Biase – http://blog.debiase.com

View this post on Google+

 

Restare aggiornati sugli alfabeti di viaggio è facile con la newsletter di Babele Magazine!

Restare aggiornati sugli alfabeti di viaggio è facile con la newsletter di
Babele Magazine!

+Marco Bernabè +Michele Trimarchi

http://www.babelemagazine.com/contatti/

Reshared post from +Babele Magazine

Restare aggiornati sugli alfabeti di viaggio è facile con la newsletter di
Babele Magazine!

+Marco Bernabè +Michele Trimarchi

http://www.babelemagazine.com/contatti/?

Post imported by Google+Blog for WordPress.

“Politiche pubbliche più incisive per far tornare Città Alta luogo autentico di vita” – Giorgio Gori

“Politiche pubbliche più incisive per far tornare Città Alta luogo autentico di vita” – Giorgio Gori
Città Alta, il gioiello di tutti i bergamaschi, è probabilmente la carta di maggior peso che il nostro territorio può giocarsi al tavolo di Expo 2015. L’occasione che ci si presenta è quella di affermare, su scala internazionale, lo straordinario […]

Post imported by Google+Blog for WordPress.

Germania, un’app per ricordare la Shoah

Germania, un’app per ricordare la Shoah

Chi si muove per le strade di Monaco da qualche giorno può visualizzare sul suo smartphone una mappa con le “pietre d’inciampo” virtuali. Basterà un tocco per aprire poi le biografie, in alcuni casi con tanto di foto, di quelle donne e uomini vittime della follia nazista. http://ow.ly/q8jCu

Reshared post from +La Stampa

Germania, un’app per ricordare la Shoah

Chi si muove per le strade di Monaco da qualche giorno può visualizzare sul suo smartphone una mappa con le “pietre d’inciampo” virtuali. Basterà un tocco per aprire poi le biografie, in alcuni casi con tanto di foto, di quelle donne e uomini vittime della follia nazista. http://ow.ly/q8jCu

Post imported by Google+Blog for WordPress.